SERVIZI ARCHIVISTICI LIBRARIO DOCUMENTALI

 


 

Servizi Archivistici-Biblioteconomici (di gestione documentale)

 

L'innovazione tecnologica, la necessità, ai fini della salvaguardia della memoria documentaria storica, di spostare l'attenzione alla fase di produzione originaria, i metadati per la conservazione, la costituzione di depositi digitali e la valutazione dell'affidabilità del management e dell'infrastruttura tecnologica, l'analisi dei rischi, la conformità con gli standard costituiscono le linee guida dei servizi di gestione documentale.

Nell'ambito del patrimonio culturale la biblioteca oggi rappresenta un organismo dinamico e vitale all'interno della quale ogni utente può trovare soddisfazione ai propri bisogni siano questi la ricerca di un libro, di riviste o di quotidiani o la necessità di utilizzare delle postazioni informatiche dove poter navigare in internet, creare dei documenti, visionare dei film o ascoltare musica; deve essere concepita come un vero e proprio centro culturale al cui interno possono essere allestite mostre, organizzati web caffè e incontri con gli autori di libri, dedicando spazi e servizi specifici a bambini e ragazzi.

La biblioteca non può prescindere dalle sue operazioni di base che sono l'inventariazione, la classificazione, la catalogazione e l'indicizzazione del materiale librario antico e moderno e del materiale non librario: ognuna di queste operazioni è indispensabile per il buon funzionamento del "sistema biblioteca".

Le attività conservative, finalizzate a ridurre gli effetti derivanti dai processi di degrado, possono utilmente giovarsi delle tecnologie informatiche volte al recupero e alla fruizione su supporto elettronico del materiale bibliografico e documentario: lo sviluppo di metodologie della tecnologia digitale applicate ai beni culturali e l'utilizzo di sistemi tecnologici ed informatici innovativi è una delle parti essenziali di un percorso finalizzato alla fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale.

Collegata a ciò è ovviamente l'attività di censimento, riordino, inventariazione, catalogazione e digitalizzazione di manufatti cartacei, attività che consente di ridurre l'usura dovuta alla consultazione o alla cattiva conservazione oltre a consentire la fruizione ad una utenza più vasta.

 


Digitalizzazione

 

Nel campo dell'informatica con digitalizzazione si intende il processo di trasformazione di un'immagine, di un documento, di un suono, di un video… in un file digitale (ovvero una sequenza di "0" ed "1"), interpretabile da un computer. Oggi il recupero e la fruizione su supporto elettronico del materiale bibliografico e documentario, lo sviluppo di metodologie della tecnologia digitale applicate ai beni culturali e l'utilizzo di sistemi tecnologici ed informatici innovativi sono diventati sempre più ricorrenti. Le potenzialità offerte da tali tecnologie nella gestione dell'informazione e del lavoro di ricerca e progettazione nel campo della conservazione sono molteplici e in particolare la digitalizzazione dei dati è ritenuta parte essenziale di un percorso finalizzato alla valorizzazione del patrimonio culturale.

La tutela e la valorizzazione di tale patrimonio sono obiettivi ricorrenti nell'ambito delle politiche europee che, correntemente, si attivano per incentivare azioni finalizzate alla riqualificazione delle risorse culturali ossia ridurre l'usura dovuta alla consultazione o alla cattiva conservazione, permettere ad una utenza più vasta la consultazione, permettere la ricerca approfondita con strumenti informatici efficaci.